web tracker

Oggi è il: 22/08/2019

Corso di recitazione professionale 1 anno

ottobre 31, 2010 by  
Filed under Scuola

PROGRAMMA DIDATTICO 1° ANNO

 

RECITAZIONE PROSA
(Docente Barbara Pieruccetti - 3h a settimana)

Lavoro iniziale sull’autore\i più familiari all’allievo allo scopo di sbloccarlo e  di creare un’interazione ed una prima conoscenza sia tra docente e allievo che tra gli allievi stessi. Lavoro più strutturato con un deciso approccio a Shakespeare attraverso lo studio di  brani tratti da alcune opere tra le più famose (Giulietta e Romeo, Otello, Amleto, Sogno di una notte di mezza estate). 

 

RECITAZIONE IN VERSI (Docente  Barbara Pieruccetti – 3 h a settimana)

Studio dell’endecasillabo attraverso alcune liriche “classiche” di poeti quali Alighieri, Angiolieri. Approfondimento con lo studio dei seguenti canti della Divina Commedia. Inferno: Canto 5°, Canto 21, Canto 33°. Studio di liriche italiane senza limiti di periodo storico, con coinvolgimento dell’allievo nella scelta dell’autore, allo scopo di sensibilizzare sia la ricerca poetica che l’ascolto delle proprie “corde” interiori. Studio dei seguenti poeti: Pascoli, Leopardi, Palazzeschi, D’Annunzio, Regazzoni, Montale, Ungaretti, Quasimodo, con libera scelta sulla lirica e, allo stesso tempo, con liriche obbligatorie a scelta del docente.

 

DIZIONE (Docente Morena Rastelli- 3 h a settimana)

L’ortoepia, che significa parlare bene, differenza tra voce intima, naturale, pubblica.
La respirazione, il rilassamento, l’apparato fonatorio, il diaframma. Le vocali e le consonanti. L’accento grave e acuto,  differenza tra vocale aperta e chiusa. Esercizi di articolazione e fonazione, gli omografi e gli omofoni. La voce in situazione. I difetti di pronuncia, il sigmacismo, il rotacismo, esercizi di correzione. I regionalismi. La esse dolce, la esse aspra. La z dolce, la z aspra. Esercizi di fonazione, gli incisi, le pause, la punteggiatura, la cantilena. I logotoni, la direzionalità della voce. Approccio alla lettura all’impronta ad alta voce ed esercitazioni tecniche di lettura. Durante l’anno saranno utilizzati per la lettura brani di autori  classici e contemporanei, semplici e  progressivamente complessi, con differenti costruzioni sintattiche per abituare gli allievi ad orientarsi subito nella lettura ad alta voce e nella restituzione dei diversi ritmi narrativi.

 

STORIA DEL TEATRO (Docente Morena Rastelli– 1\30 h a settimana)

Le origini- il teatro greco, la tragedia – la commedia di Menandro, il teatro latino, la satira, la commedia Plautina, il teatro medievale, le sacre rappresentazioni, le giullarate, il teatro del cinquecento, Macchiavelli – la Mandragola, la Commedia dell’Arte, il teatro rinascimentale in Italia ed in Europa, W. Shakespeare, Spagna, Ciclo de Oro, Francia, Racine e Corneille.

Le lezioni saranno integrate da letture di brani inerenti al programma e proiezioni video delle opere più importanti.

 

IMPROVVISAZIONE (Docente Marina Polla De Luca – 1\30 h a settimana)

Improvvisazioni di carattere vario, di parola e di situazione, a tema imposto dal docente e a tema libero. Ricerca degli aspetti emotivi “forti” per sollecitare nell’allievo la scoperta e l’utilizzo delle proprie corde interiori creando liberamente ma al tempo stesso guidando, associazioni emotive sensoriali che via via suggeriscano sempre più chiaramente il percorso interpretativo del personaggio attraverso l’utilizzo del proprio bagaglio interiore, sia attinto dal proprio vissuto che assolutamente creativo. Improvvisazioni atte a “creare gruppo”, per stabilire rapporti di fiducia reciproca e contemporaneamente disinibire eventuali normali atteggiamenti di timidezza che possono ostacolare la libera espressività dell’allievo.

 

METODO MIMICO e COMMEDIA DELL’ARTE (Docente Ivano Picciallo – 1\30 h a settimana)

Il Metodo Mimico si propone come allenamento progressivo dei mezzi espressivi per una migliore comunicazione e comprensione di sé e della realtà; per imparare ad acquisire padronanza dei gesti e della voce, utilizzando il corpo come strumento di realizzazione e comunicazione. Appropriazione dei valori legati alla fisicità ed alla gestualità della nostra natura umana, nel senso di una educazione che volga alla liberazione dagli stereotipi comportamentali ed alla rimozione di quelle inibizioni di ordine sociale e convenzionale che impediscono di fatto la libera e compiuta espressione dell’individuo. Studio sulla maschera e radici della commedia dell’arte. Studio del personaggio attraverso la caratterizzazione fisica corpo e voce. Studio della tensione fisica\emotiva del personaggio in scena con coscienza all’attore di cosa vuol dire essere un personaggio. Studio della “propria” maschera e costruzione della stessa. Studio delle tecniche della Commedia dell’Arte.

 

RECITAZIONE IN VIDEO (Docente Edoardo Scatà – 3 h a settimana)

Formazione dell’attore di fronte alla telecamera attraverso repertorio di cinematografia italiana ed europea, fiction e lunghe serialita’ per la televisione, preparazione ai casting ed ai provini in video.

 

INGLESE (Docente Dyanne White– 1\30 h a settimana)

Il corso vuole riuscire a dare autonomia all’allievo che dovrà affrontare studio ed esecuzione di brani in lingua per scene e provini. Tecnica fonetica e pratica della lingua inglese abbinata al canto e in genere al teatro musicale.

 

Materie aggiunte per allievi che hanno scelto il corso completo

 

TECNICA E CONTROLLO DEL MOVIMENTO (Docente Francesca Zaccherini – 1h a settimana)

Il corso, attraverso le tecniche di base della danza classica, contemporanea e moderna prevede lo studio delle prime forme di coordinazione e dei principi fondamentali statici, dinamici e ritmici (equilibrio,  peso del corpo, movimento del corpo nello spazio) per dare all’attore gli strumenti idonei ad acquisire un buon controllo del corpo e del movimento scenico.

 

DANZA (Docente  Manolo Casalino – 1\30 h a settimana)

Conoscenza e coscienza del proprio corpo e riscaldamento muscolare. Ritmica e studio del conteggio musicale abbinato al movimento. Coreografia ed interpretazione coreografica di gruppo.

 

CANTO (Docente  Monica Proietti – 1\30 h a settimana)

Riscaldamento vocale e diaframmatico. Tecnica vocale di base. Canto solista e corale con primi approcci all’armonizzazione. Repertorio corale ed individuale abbinato al programma di storia del Teatro Musicale.

 

TEORIA E SOLFEGGIO (Docente Elisabetta Nesca – 1 h a settimana)

Acquisizione delle competenze musicali di base utili per la lettura o la stesura di spartiti. Cultura musicale generale. Studio dei principi fondamentali della melodia e dell’armonia (intervalli, tonalità e scale), indispensabili per ottenere padronanza e autonomia nella preparazione dei brani cantati. Acquisizione e sviluppo del senso ritmico e dell’orecchio melodico.

 

TEATRO MUSICALE (Docente Laura Ruocco – 2,30 h a settimana)

Riscaldamento muscolare con tecniche miste (stretching attivo e passivo, realising). Studio del movimento nello spazio (linee, diagonali, etc.). Studio delle dinamiche fisiche e di movimento con finalità attoriali (es. cadute, ubriacature) o con posture legate ad una caratteristica particolare del personaggio (zoppo, cieco, etc.). Studio coreografico associato al canto e alla recitazione, su materiale di repertorio della commedia musicale italiana e americana con personale studio interpretativo.  Introduzione alla storia del teatro musicale italiano e straniero dall’inizio del 900 fino al 1950 circa.