web tracker

Oggi è il: 17/12/2018

Favole – Fedro

 

 

 

 

Spettacolo destinato alle SCUOLE SUPERIORI


Giovanni Nardoni

in

Fedro

“Le favole”

 

dal 14 novembre 2018

a marzo 2019 

 

 

 

 

 

 

In principio fu Esopo, sembra suggerirci nel prologo del primo libro Fedro.

 

 

Il suo rispetto per l’autore greco era totale. Ma riconosceva che Esopo nelle sue favole ricercasse l’exemplum, un rapporto analogico, questo, che permettesse di valutare la realtà sul metro del fittizio: quasi uno strumento retorico utile, quindi, all’argomentazione, più che una autonoma forma d’arte; tutto questo ovviamente riconducibile alla tradizione orale delle favole orientali da cui Esopo prese spunto.
Da qui deriva la sua particolare struttura, facilmente memorizzabile come l’immediatezza dei suoi personaggi dotati di tratti connotativi subito evidenti. E sarà seguendo questo esempio che Fedro cercherà la sua peculiarità, la sua originalità.
E su questa materia pose la lima della propria arte imponendo alle favole le leggi severe del metro, dando la possibilità a questi brevi componimenti di assurgere ai fasti della letteratura (pur utilizzando il senario verso delle forme d’arte più umili).
Quindi la favola di Fedro nel suo travestimento animale sa anche trasmettere un suo messaggio di verità, che sa dunque ammaestrare col tono della piacevolezza e col sorriso.
Ma malgrado la sua capacità rivoluzionaria e il suo ego spropositato Fedro non incontrò, però, nè da vivo né da morto il favore degli altri letterati, ma fu sempre in qualche modo portato a difendere la sua opera e la sua originalità.
Un altro spirito libero, questo nostro Fedro… e come potevo non amarlo, come potevo non rappresentarlo, proprio in questo momento della mia vita, dove tutto sembra crollare, dove tutto sembra da rifare … rifare, ma come?
Con il sorriso, la consapevolezza e un po’di caparbietà.
Quella leggerezza raccontata da quegli animali-personaggi che nel dramma ci fanno sorridere e, nello scherno, riflettere – un po’ come un sentimento del contrario, avrebbe detto secoli dopo un altro grande autore, Luigi Pirandello.
E allora è partito il gioco, la sfida! E con il ricordo delle immagini della fantastica interpretazione di R.Williams nel film L’attimo fuggente ho iniziato a leggere (in molti momenti direttamente i versi di Fedro) a due miei giovani colleghi e ad un musicista – il maestro Bernardo Nardini – alcune di queste fantastiche favole e con loro ho cercato di rimettermi in gioco, anche come attore: esplorando il mondo dell’improvvisazione, della pantomima e della clownerie.
Un continuo entrare e uscire da questo folle Circo nell’intento di divertirci e di divertirvi passando da un personaggio-animale all’altro, alla sola ricerca del
momento ludico. E, come amo ricordare della magistrale interpretazione di R. Williams, sottolineando l’importanza del magister e la sua interdipendenza con il discipulus.
Ma che paura! Dovermi misurare in freschezza e ingenuità, in un terreno per me quasi inesplorato, con due giovanissimi attori-danzatori e riuscire a mantenere nel racconto quell’autorevolezza, indispensabile a rispettare l’equilibrio tra magister e il discipulus!
Con l’onestà, con la consapevolezza dei propri limiti aprendo il mio cuore e la mia casa non solo ai miei colleghi, ma anche a tutto il mio pubblico, che, come attraverso il buco di una serratura, mi spierà… spierà fra le mie cose, con i miei falsi d’autore che faranno da quinte, fra i miei libri, le mie lampade, i miei orologi, i miei ricordi.
E a volte, nel gioco, quel buco nello stomaco diverrà un baratro e l’allegria si velerà di malinconia.
Convinto più che mai che, se si vuole ricevere, bisogna predisporsi a dare.
Giovanni Nardoni

BIBLIOGRAFIA
Le Favole di Fedro – traduzione Sebastiano Saglimbeni
Le Favole di Fedro – traduzione A.Guaglianone (Torino 1969)
Fedro e la favola latina – C.Marchesi
Historia de la fabula greco-latina – F.Rodriguez adrados (Madrid 1979)
Un poeta tra favola e realtà – M.Jagoda Luzzatto (Torino 1976)

PER INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI:
Giovanni Nardoni – 3397744521 oppure ritrattidautore2014@gmail.com

Teatro GOLDEN
(via Taranto 36 – metro A – San Giovanni – metro C-Lodi)

novembre 15, 2018 by  
Questo articolo si trova su: Spettacoli per le scuole

Comments are closed.